1989 – 1994

E’ l’OS/2 a tenere la scena in questo ultimo scorcio di decennio. Il sistema e’ molto potente, copia pantografica di grandi sistemi e gira su server basati su Intel. Un impegno economico che non ha nulla a che vedere con le macchine di pochi anni prima.
I server OS/2 si diffondono rapidamente. Contemporaneamente diventa economicamente accessibile la rete Itapac basata su protocollo X25 ed il communication server dell’OS/2 riesce a gestire l’X25 e fare da gateway di comunicazione.
In pochi mesi tutte le sedi periferiche della Sirti vengono collegate tramite Itapac e raggiunte dalle applicazioni Cics e Tso.
Nell’estate del 1989 il Ced Sirti si sposta nella nuova sede di Cassina de’ Pecchi.

La nuova sede di Cassina de' Pecchi

Il DB2 viene portato alla versione 2, con il Netview si automatizzano i comandi della console. Un nuovo prodotto viene acquisito per fare i backup dei dati contenuti nei server OS/2. Si chiama ADSM (adesso si chiama TSM e fa parte dei prodotti Tivoli) e’ installato su mainframe ed esegue le copie di salvataggio dei dati dei server.
Una parola frequentemente usata all’inizio degli anni ’90 e’ “client server”. La grande diffusione di macchine dotate di potenza di calcolo autonoma, spinge a cercare di utilizzarla distribuendo le applicazioni fra computer centrale e server distribuiti. Alle buone intenzioni non corrispondono sempre risultati altrettanto brillanti.
Il problema maggiore e’ la difficolta’ di gestione del sistema risultante che si complica a tal punto da oscurarne i benefici. Il client server in Azienda viene realizzato con applicazioni composte da una parte Visual Basic che “gira” sul client e fornisce una grafica gradevole, ma i dati quelli no. Niente data base distribuiti. Tutti a dati sul DB2 mainframe acceduto con una tecnica particolare che fa uso del Cics.
Nel 1994 due presentazioni al Guide. In Febbraio a Trento

Esperienze di controllo remoto delle Lan

ed il 3 Novembre a Padova.